Menu

Alejandro Ropero ottiene la sua prima top ten della stagione in un’edizione molto dura del Giro dell’Appennino

Notizie · 24 Giugno, 2021

82º Giro dell’Appennino
Pasturana – Genova (192,1 km)

Lo spagnolo di Granada, Alejandro Ropero, ha sfoderato una grande prestazione questo giovedì in un’edizione del Giro dell’Appennino in cui il belga Ben Hermans ha vinto da solo e in cui Ropero ha finito in nona posizione. La sua prima top ten della stagione arriva in una gara in cui ha corso sempre in testa, ben protetto dai suoi compagni di squadra, e in cui ha lottato fino alla fine per arrivare nel gruppo di testa. Anche Luca Wackermann e Arturo Grávalos, nei primi tentativi di fuga, e Diego Pablo Sevilla, nella fuga che avrebbe ottenuto più vantaggio durante la giornata, hanno lasciato la loro impronta sui percorsi della Liguria.

La fuga definitiva non si sarebbe completata fino a quando la corsa non ha superato il traguardo volante di Pasturana, un momento importante che ha messo fine a un primo giro intorno alla città di partenza in cui la corsa stava volando, con una media per la prima ora che toccava i 47 km/h. Quasi 40 km della tappa erano trascorsi prima che sette corridori, tra cui lo spagnolo Diego Pablo Sevilla, prendessero il largo. Il loro vantaggio si sarebbe stabilizzato tra un minuto e mezzo e due minuti e con questo vantaggio hanno affrontato la prima delle quattro salite del giorno: Fraconalto.

Sevilla passerebbe per primo sia per la sua vetta che per quella successiva, Crocefieschi, premio alla fine per il suo sforzo, mentre la fuga è stata selezionata in un terreno complicato e impegnativo. Di fronte a Crocetta d’Orero, con differenze così piccole, l’avventura è finita mentre Israele o Ineos hanno cominciato a imporre un ritmo molto alto. A Maddona della Guardia la corsa è stata rivoluzionata. Solo trenta corridori avrebbero tenuto l’avanguardia nelle sue fasi iniziali e solo otto hanno affrontato la sua parte finale, dove la pendenza è più dura.

È lì che si è mosso il belga Ben Herman, vincitore finale in solitaria, ed è lì che Alejandro Ropero ha lottato per arrivare il più avanti possibile e affrontare gli ultimi chilometri. Nella discesa, si è formato un gruppo di una quindicina di corridori dove il corridore di Granada stava pedalando, un gruppo che ha finito per catturare Gianni Moscon e Juan Ayuso e ha finito per giocarsi gli altri due posti sul podio.

“Una gara molto dura”, dice Alejandro Ropero dalla zona del traguardo. “Sono contento delle sensazioni, anche se non è stato facile arrivare davanti. Abbiamo dovuto soffrire molto. Ma la squadra è stata ancora una volta al top. A metà dell’ultima salita ho corso dietro Ayuso. Poi sono iniziati gli attacchi e sono rimasto un po’ indietro, ma stavo cercando il mio ritmo e ho formato un gruppo di inseguitori molto interessante da guidare fino alla fine. Quando abbiamo preso Moscon e Ayuso, che erano davanti, c’era la possibilità di lottare per il podio. Ma la concorrenza era importante. Ci ho provato con tutto quello che avevo nelle gambe. Sono molto felice per questo nono posto, soprattutto perché è un’indicazione che stiamo lavorando bene e ci permette di affrontare i prossimi obiettivi con molta più fiducia”.

[📷  PhotoGomezSport]

Corridoi correlati

Alejandro Ropero Sergio García Arturo Grávalos Diego Pablo Sevilla Davide Bais Mattia Frapporti Luca Wackermann

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Pedranzini Scicon La casa del fisio Technogym LifeBrain