Menu

Alessandro Fancellu: “Non sento molta pressione, cerco di fare del mio meglio ogni giorno”.

Notizie · 11 Dicembre, 2020

La stagione 2020 sarà indimenticabile per la sua tremenda eccezionalità, derivata da una pandemia di natura globale, e per la sua influenza sull’impossibile sviluppo normale di una stagione in cui tutto il calendario che è stato possibile recuperare dopo il “blocco” e l’arresto si è concentrato in poco più di tre mesi. Poco tempo, e meno opportunità, per la squadra, indipendentemente dall’età o dalla giovinezza dei suoi membri. Ma questo 2020 sarà particolarmente indimenticabile anche per Alessandro Fancellu.

Il giovane lombardo, che compirà 21 anni il prossimo aprile, ha affrontato la sua prima stagione da professionista con una prima parte molto interessante, con un podio al Tour de Antalya incluso, e una seconda più complicata a causa delle cadute e della malattia. Sebbene ci fossero state speculazioni sul suo salto alla Trek-Segafredo, Fancellu continuerà nel 2021 all’interno dell’EOLO-KOMETA. “Quest’anno non dimenticherò mai la mia prima carriera da professionista”, dice. “Ho iniziato la stagione alla Vuelta a Murcia, era la prima volta che correvo contro i professionisti, e naturalmente sarà qualcosa che ricorderò per sempre”.

Qual è il giudizio di Alessandro sulla sua stagione? Il lombardo è molto chiaro: “Sinceramente, mi aspettavo una stagione migliore. L’inizio è stato buono, soprattutto perché ho avuto un infortunio al polso durante l’inverno e ho pensato che si sarebbe visto. Ma ho iniziato bene, da capo. Mi è piaciuto. Dopo Antalya, l’isolamento ha rovinato tutta la pianificazione che avevamo fatto durante l’inverno. Quando la stagione è ripresa, ho cercato di tornare al massimo della forma fisica. Alla Vuelta a Burgos mi sono sentito bene, ma con la mente soprattutto su un Giro U23 che è stato l’obiettivo principale della stagione. Sono arrivato con buoni sentimenti, mi sentivo fiducioso e pensavo di poter ottenere un buon risultato. Ma durante la seconda fase sono caduto tre volte. È stato un palcoscenico pazzesco. Pioveva molto e la strada era molto scivolosa. Era come il sapone. Molti cavalieri sono andati a terra quel giorno…”.

Nonostante gli incidenti, Alessandro ha mantenuto intatte le sue opzioni per diversi giorni, ma ha finito per perdere tempo. “Col passare dei giorni, mi sentivo peggio. Le mie gambe non hanno funzionato. Ogni giorno è stato peggiore del precedente. Pensavo che la sensazione fosse dovuta alle cadute, ma la verità è che il peggioramento è stato generale. Dopo il Giro ho fatto alcuni test e il risultato è stato che mi sono ammalato. Ho cercato di recuperare per il campionato italiano, ma non sono riuscito a finire. Dopo di che sono stato sotto antibiotici per due settimane”.

La stagione 2020, al di là della sua unicità, ha messo in evidenza la potenza di una generazione di giovani corridori. Fancellu è un altro di questi membri e ha accompagnato Remco Evenepoel, forse il suo grande portabandiera insieme a Tadej Pogacar, sul podio ai Campionati del Mondo di Innsbruck. “Quest’anno abbiamo visto molti giovani che hanno fatto numeri impressionanti. Pogacar, Hirschi, Hindley, Hindley, lo stesso Remco… Quando un giovane fa una buona prestazione, sia i media che i tifosi vi prestano maggiore attenzione e poi tutta quell’attenzione aumenta ancora di più. Personalmente non mi sento molto sotto pressione, cerco di fare del mio meglio ogni giorno e vedremo a che punto siamo in futuro. A Burgos, Fancellu ha potuto condividere il pettorale con Evenepoel, il vincitore della Vuelta: “Sinceramente, anche noi non abbiamo un rapporto profondo, ma ad un certo punto abbiamo parlato durante la gara. Penso che sia un ragazzo fantastico”.

Alla fine di agosto è stato annunciato l’arrivo di EOLO come nuovo main sponsor del progetto, che darà al progetto un salto di categoria. Altre gare. Gare più importanti. Più responsabilità, ma è anche un progetto pluriennale. Fancellu apprezza molto positivamente questa notizia ed è convinta che aiuterà tutti a fare un salto. “L’arrivo di EOLO è una ricompensa per la professionalità di Fran, Ivan e di tutti coloro che fanno parte della squadra. La notizia è ovviamente molto buona, è meglio per tutti. La squadra farà più gare e, cosa ancora più importante, permetterà a tutti i corridori di mostrarsi di più e nei migliori scenari. Personalmente, è una notizia che emoziona e motiva. E con l’esperienza maturata in questo 2020, ti fa affrontare questo 2021 con desiderio, curiosità e ambizione”.

Corridoi correlati

Alessandro Fancellu

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Pedranzini Scicon La casa del fisio Technogym LifeBrain