Menu

Bais e Rivi dimostrano la loro combattività nelle fughe, ma le cadute vanificano le loro possibilità di sprint

Notizie · 14 Febbraio, 2021

34a Clasica de Almería
Puebla de Vícar – Roquetas de Mar (183,3 km)

La previsione di una volata nell’Avenida Juan Carlos I di Roquetas si è avverata, quasi una tradizione nella Clasica de Almeria; uno sprint un po’ “pazzo” per un finale di gara dove si è fatto sentire il vento, è uscita un po’ di tensione e il gruppo è stato tagliato tra qualche caduta e un ritmo indiavolato. Ha vinto il campione europeo Giacomo Nizzolo. Purtroppo la EOLO-KOMETA non ha potuto giocarsi la carta vincente di Luca Pacioni, a causa di una caduta nella parte finale della gara. Manuel Belletti, 25 °, è stato il primo dei nostri al traguardo.

Gli uomini in azzurro, invece, sono stati tra i grandi protagonisti di questa edizione della corsa andalusa, soprattutto con due corridori attivissimi come Samuele Rivi e Davide Bais, sempre alla ricerca della fuga. Rivi ci ha provato dall’inizio, ma il suo primo tentativo non è riuscito. Bais, d’altra parte, è riuscito a unirsi a un quintetto, alla fine un sestetto, che è stato raggiunto a 100 chilometri dal traguardo dopo aver guidato per 80 chilometri in testa. Il loro vantaggio non ha mai superato i 3′ 30”.

Con la neutralizzazione della fuga e tanti chilometri ancora da percorrere, si sono visti nuovi movimenti in testa al gruppo, fase in cui i corridori del Team EOLO-KOMETA Cycling sono stati nuovamente protagonisti con Lorenzo Fortunato. Questa volta Samuele Rivi è riuscito ad alimentare una fuga insieme a Ibon Ruiz (Kern Pharma), Ángel Madrazo (Burgos) e Samuele Zoccarato (Bardiani), un quartetto il cui vantaggio massimo è stato di un minuto. Rivi e Zoccarato hanno poi insistito in coppia, finché la loro avventura è stata neutralizzata definitivamente negli ultimi 37 chilometri.

“Sono contento della prestazione. Avevamo l’obiettivo di essere presenti in tutti i movimenti che potevano accadere nei primi chilometri e abbiamo fatto del nostro meglio per riuscirci. All’inizio c’erano molti attacchi, l’ho provato per la prima volta senza successo e neutralizzata la fuga in cui correva Davide la gara è entrata in una fase di calma dove diversi corridori hanno iniziato a provare ad andare via. Su una ripida salita mi sono lanciato e abbiamo finito per consolidare un quartetto, abbiamo preso un po’ di vantaggio, ma io e Zoccarato abbiamo spinto fino all’ultimo secondo “, ha spiegato Samuele Rivi.

Una volta esaurita questa seconda fuga, il gruppo si è preparato per uno sprint per cui diverse formazioni si sono messe al lavoro. In una fase della gara in cui il gruppo correva a più di 70 km / h con un forte vento laterale, ci sono state alcune cadute che hanno spezzato il gruppo e, per quanto riguarda la EOLO-KOMETA Cycling Team, hanno impedito a Luca Pacioni di potersi giocare lo sprint.

“Si stava andando molto veloce in un tratto dove tirava vento. C’era molta tensione, il traguardo era molto vicino. C’è stata una brusca frenata e poi sono caduto. Non ho potuto evitarlo: adesso sto bene, solo un po’ dolorante per il colpo, ma niente di più. Solo un po’ di indolenzimento. Non mi resta che pensare ai prossimi obiettivi “, conclude Luca Pacioni.

[📷  PhotoGomezSport]

Corridoi correlati

Davide Bais John Archibald Lorenzo Fortunato Luca Pacioni Manuel Belletti Mattia Frapporti Samuele Rivi

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Scicon La casa del fisio Technogym