Menu

Diego Pablo Sevilla mostra lo spirito della Fondazione Contador sulle strade ungheresi

Notizie · 12 Maggio, 2021

42º Tour de Hongrie
Tappa  1: Siófok – Kaposvár (173 km)

Diego Pablo Sevilla è stato uno dei principali protagonisti della prima giornata del Tour de Hongrie grazie al suo carattere indomito e alla sua combattività. La fuga è finita per lui a nove chilometri dall’arrivo. Nello sprint, dove Luca Pacioni è stato chiuso quando era in buona posizione, ha vinto il tedesco Phil Bauhaus. Il tedesco è il primo leader di una classifica generale in cui Siviglia, grazie agli abbuoni, è quinto.

Il corridore madrileno dell’EOLO-KOMETA Cycling Team, che aveva tagliato per secondo il gran premio della montagna del giorno, ha combattuto e perseverato fino a quando è riuscito a tenere viva la fuga per la quale aveva lavorato così duramente. Fin dall’inizio ha corso con lo sloveno Aljaž Omrzel, guadagnando quasi un minuto di vantaggio. Il gruppo ha reagito, la sua fuga è stata neutralizzata e Siviglia è tornato in fuga pochi chilometri dopo.

Dopo 35 chilometri, il corridore di San Martín de la Vega ha formato un trio con il belga Fabio Van den Bossche e il polacco Patrick Stosz. I tre, ben assortiti nelle collaborazioni, non hanno mai raggiunto più di tre minuti di vantaggio, ma il loro sforzo comune ha tenuto viva la fuga con un minuto e mezzo che il gruppo non riusciva a recuperare.Tuttavia, né Sevilla, né Stosz, né Van den Bossche hanno ceduto un centimetro e sono rimasti in testa con un distacco inferiore al minuto. È stata una battaglia bella e vibrante.

“Ho provato tre fughe oggi. Non mi lasciavano andare. Alla fine siamo riusciti ad andare via con l’ultima fuga. La cosa brutta era che avevo un compagno di squadra piuttosto veloce per lottare per gli sprint e gli abbuoni. Ma abbiamo dovuto combattere. E sono stato abbastanza felice di essere in grado di dare una presenza alla squadra, anche se è stato un peccato che non ho potuto ottenere un podio oggi. Sono felice di essere stato in grado di ottenere un bonus per avere una buona posizione in classifica generale e che nei prossimi giorni la nostra auto avrà anche una buona posizione nella carovana. Tutto conta. Ora è il momento di provare a lottare per le montagne”, dice Sevilla dopo la tappa.

Questo giovedì il Tour de Hongrie affronta una seconda tappa leggermente più lunga in termini di chilometraggio, 183 km, che collega Balatonfüred e Nagykanizsa e con due passi di montagna nella sua parte iniziale. Un’altra tappa sulla carta ideale per un finale allo sprint e per vedere di nuovo la lotta tra le fughe e le squadre dei velocisti.

[📷  PhotoGomezSport]

Corridoi correlati

Erik Fetter Davide Bais Samuele Rivi Mattia Frapporti Alejandro Ropero Diego Pablo Sevilla

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Pedranzini Scicon La casa del fisio Technogym LifeBrain