Menu

“È stato molto bello trovare una risposta positiva così immediata tra i corridori”.

Notizie · 2 Dicembre, 2020

Pochi giorni fa la EOLO-KOMETA Cycling Team ha avuto il suo primo ProTeam chiuso e il direttore generale della struttura Francisco Javier Contador (Madrid, 1979) ha fatto un piccolo bilancio degli sviluppi del progetto dopo queste intense settimane di annunci e conferme.

Con gli arrivi di Lorenzo Fortunato, Francesco Gavazzi e Luka Wackermann la squadra del 2021 è completa. Soddisfatti?

Molto! È stato un lavoro intenso. Prima di questa spirale di trasferimenti, per dare forma al progetto dal punto di vista degli sponsor e dei sostenitori. Ma stavamo già lavorando su alcune linee guida e avevamo un’idea molto chiara quando si è trattato di mettere insieme la squadra. È vero che l’approccio è una cosa e l’esecuzione è un’altra. Per fortuna abbiamo potuto firmare tutti i corridori che volevamo portare. E’ stato molto bello trovare una risposta positiva così immediata tra i corridori, soprattutto perché siamo nuovi arrivati nella categoria. Ma il lavoro svolto in questi tre anni è stato notato anche nel senso che siamo stati presi in considerazione. Che siamo una realtà, dai.

Qualunque cosa sia rimasta nel calamaio?

No, non proprio. In queste settimane ci sono state speculazioni su alcuni nomi che non abbiamo davvero idea del perché, dato che non sono mai stati sul tavolo. Il progetto è entrato nel mercato dei trasferimenti, ma non intenzionalmente. Ci è stato dato. Come se venissi taggato su un social network e non sapessi il perché. Per questa prima stagione volevamo iniziare con una squadra di venti corridori. In questo senso, se fosse stato possibile, avremmo voluto contare su qualche ciclista in più o addirittura promuovere qualche ciclista della struttura u23, non solo Arturo Grávalos. Ma questo è un progetto a lunga distanza e ci saranno opportunità in seguito.

Davanti a questa prima avventura continentale la cosa italiana guadagna molto peso…

Era un fardello inevitabile. Siamo sempre stati molto chiari su questo, sia con il cambio di nazionalità nella licenza, sia con la necessità di avere un calendario molto italiano, ma non esclusivamente italiano, per la natura stessa dei nostri sponsor e dei loro interessi commerciali. Dobbiamo ai nostri sponsor che chi crede nel progetto e si fida di lui ha anche il potere di decidere. Ma al di là di questo, non mi piace parlare di un progetto né qui, né là, né oltre. In fin dei conti, tra l’élite, ci sono progetti all’interno di uno sport globale, uno sport con una vocazione sempre più universale. Abbiamo avuto una licenza spagnola per tre anni, ora ne avremo una italiana e, se sarà necessario, potremmo averne una in Svizzera, in Ungheria, in Andorra…

Da qui la politica dei rinforzi? Alla fine, dieci ciclisti italiani si sono uniti…

La lettura, a mio avviso, non dovrebbe essere solo questo. Dieci ciclisti italiani si sono iscritti, alcuni molto interessanti per la loro esperienza e anzianità, altri per la loro giovinezza e altri ancora per quello che possono ancora crescere e che finora le circostanze non hanno permesso loro di fare. Ma abbiamo anche rinnovato sette corridori del nostro progetto precedente, sette giovani che erano con noi e che pensiamo andranno molto bene. Se la nazionalità non era una questione scottante allora, non dovrebbe esserlo neanche ora. E sì, per vedere tutto da una prospettiva più globale. Per esempio: nel 2018 abbiamo iniziato con una squadra di undici ciclisti dove c’erano un austriaco, un lussemburghese, un colombiano, un eritreo, un olandese, due italiani e quattro spagnoli… Il progetto va oltre le bandiere, si tratta di un’idea e da campagna a campagna i nomi o le circostanze possono variare. Alla fine si tratta di una squadra con cinque nazionalità presenti non solo nel suo staff, ma anche nel suo organigramma. Questo non è un’esclusiva di EOLO-KOMETA, succede in molte formazioni. Il ciclismo, come ho detto prima, è uno sport globale. Molto più di quanto sia mai stato…

Lei parlava di un 2021 come primo contatto…

Sì, l’arrivo di EOLO al team fa parte di un progetto triennale. Questo 2021 è un primo anno di contatti. Ma allo stesso tempo molto importante. Il punto di partenza è combattere, affrontare, essere offensivi, mostrare ambizione e avere presenza in gara. L’aspetto formativo non viene dimenticato o perso di vista. Ma a questo punto, dal prisma della nuova categoria, non è l’unica cosa. Non è sufficiente per cogliere le pause nelle gare contro le squadre del World Tour. Anche i risultati sono interessanti. E in questo contesto, si è cercato un equilibrio anche nella formazione della squadra.

Che ruolo giocano gli U23 o i team junior nel progetto?

Assolutamente nessuno. E’ lo stesso. Ed è fondamentale. Sia la U23 che le squadre junior e il loro Campus di selezione sono due pilastri di questa linea di lavoro della Fundación Contador. E la Scuola di Ciclismo di Pinto, che non va dimenticata. Il team ProTeam è un sogno che diventa realtà, ma la nostra presenza nel ciclismo è andata passo dopo passo, da quella base. Per noi l’u23 e il junior sono qualcosa di fondamentale. Recentemente in un forum mi è stato detto che ora che è nata EOLO-KOMETA era chiaro quale sarebbe stata la struttura importante. E la verità è che questa riflessione, se è l’impressione che si ha, è molto sbagliata. Suppongo che i trasferimenti siano stati in grado di alimentare anche quella percezione che, ovviamente, è assolutamente sbagliata. Incoraggiare il ciclismo di base non significa che tutti i ciclisti delle vostre strutture possano fare il salto di qualità con voi. Vorrei che fosse così. E il nostro sogno è che in gran parte possa essere così. E quando dico questo penso a un World Tour. Ma è impossibile. Ed è all’interno della Fondazione o in altre strutture che sono presenti in varie categorie. Ciò che non è impossibile è creare un tessuto formativo. Tra tutti loro. E forse i corridori che non possono saltare con te possono farlo con un’altra squadra. A volte si può pensare che un corridore sia migliore di un altro e ci si sbaglia. Anche questo può succedere. Alla fine sono decisioni umane, con criteri concreti e quindi suscettibili di essere sbagliate. In questi anni si può vedere con i ciclisti che passano attraverso la squadra giovanile. Il ciclismo è molto più di una semplice struttura. Ma tra i tanti è possibile realizzare uno sport forte, con una buona salute, con un futuro. Almeno credo che sia questo l’importante.

Un sogno per questo 2021 con la nuova EOLO-KOMETA Cycling Team?

Con quella continentale, per ottenere l’invito a partecipare al Giro d’Italia e poter vincere in una sola tappa. Per sognare…! Oltre il Giro, per ottenere belle vittorie nelle manifestazioni a cui partecipiamo. E che tutti i corridori abbiano una buona stagione, senza incidenti o problemi di salute, in cui continuano a progredire.

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Scicon La casa del fisio Technogym