Menu

“La squadra continua a essere protagonista. Noi continuiamo a lottare”

Notizie · 13 Maggio, 2021

42º Tour de Hongrie
Tappa 2: Balatonfüred – Nagykanizsa (183 km)

Lo spagnolo Diego Pablo Sevilla è stato nuovamente protagonista nella grande fuga del giorno nella tappa magiara, una seconda tappa in cui sette corridori si sono sfidati in un’intensa battaglia con il gruppo che, per quanto riguarda lo spagnolo, si è conclusa a 19 dall’arrivo. Una fuga con un risvolto emotivo. Siviglia era in fuga con un vecchio amico, spesso compagno di allenamento e sempre rivale fin da bambino: il “caja rural” Sergio Martín. Una bella storia di questo sport che spesso racconta di lunghi rapporti di amicizia dalle categorie inferiori. In quei giorni di allenamento sotto la pioggia o con molte salite in cui si condividono confidenze e sogni. E se un giorno andiamo in fuga insieme, te lo immagini? Questo giovedì, quei sogni sono diventati realtà.

Sevilla e Martín, rivali, amici, hanno condiviso l’avventura con il danese Alex Kamp, l’ungherese János Pelikán, i polacchi Pawel Bernas e Maciej Paterski e l’italiano Emanuele Onesti. Una fuga con buoni velocisti. A 25 chilometri dall’arrivo, i sette stavano ancora lavorando per rimanere in testa. Un filo di vita di appena un minuto che si è esaurito in vista dello sprint. Sulla strada Siviglia non ha esitato a lottare per i punti per le montagne o per la somma dei secondi di bonus. Sevilla è riuscito a rimanere nella top ten generale, dove ora è settimo.

Nello sprint finale, dove ha vinto il belga Jordi Meeus, ora nuovo leader della corsa, il lavoro di Luca Pacioni non ha potuto concretizzarsi dopo la caduta che ha spiazzato una buona parte del grande gruppo. Ma oggi è il passato e la tappa di domani è la nuova opportunità su cui tutti gli occhi saranno puntati. Ci saranno solo 147 chilometri tra Veszprem e Tata. E la storia potrebbe essere molto simile a quello dei primi due giorni.

“Alla fine è stata una giornata difficile per me, ho sentito un po’ gli sforzi del primo giorno, ma abbiamo cercato di continuare a dare presenza alla squadra e continuare a lottare prima che arrivi la tappa regina. In una piccola discesa ho visto che sei corridori stavano partendo. I miei compagni di squadra erano un po’ chiusi in quel momento, quindi sono uscito sul lato meglio che potevo e li ho presi al momento giusto. Ho pensato che fosse una fuga interessante perché il leader delle montagne non era lì; era una buona opportunità per lottare per quella maglia. Ma un suo compagno di squadra è entrato nella fuga ed era molto forte. Non ho avuto molta forza nelle volate di oggi e non ho potuto nemmeno ottenere il secondo posto. Sergio Martín mi ha battuto in entrambi. È sempre speciale condividere una fuga con un amico, ci sono sempre momenti di buone vibrazioni, battute… anche se mi ha battuto in entrambe le volate”, sorride Diego Pablo Sevilla.

Erik Fetter: “Finora mi sento bene, le sensazioni sono molto buone e le tappe finora non sono state troppo impegnative. Solo la parte finale di oggi è stata frenetica, con un cambio di moto che ho dovuto fare e a causa di diverse cadute nel gruppo”.

[📷  PhotoGomezSport]

Corridoi correlati

Diego Pablo Sevilla Alejandro Ropero Mattia Frapporti Luca Pacioni Davide Bais Erik Fetter

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Pedranzini Scicon La casa del fisio Technogym LifeBrain