Menu

Le strade delle Asturie ospiteranno l’ultima corsa prima del Giro

Notizie · 27 Aprile, 2021

63ª Vuelta Ciclista a Asturias
Dal 30 aprile al 2 maggio

Tre tappe con un terreno molto impegnativo e alcune salite sulle strade del Principato attendono l’EOLO-KOMETA Cycling Team da questo venerdì.  La Vuelta a Asturias torna sulle strade dopo il rinvio forzato dello scorso anno e lo fa come ultimo impegno del ProTeam della Fondazione Contador prima della sua partecipazione al prossimo Giro d’Italia.

Alla Vueltina l’EOLO-KOMETA Cycling Team va con una squadra formata dallo scozzese John Archibald, il portoghese Daniel Viegas, gli spagnoli Diego Pablo Sevilla e Sergio García, e gli italiani Lorenzo Fortunato, Francesco Gavazzi e Luca Wackermann. Nel programma, un arrivo in quota l’ultimo giorno, una tappa con una salita molto impegnativa il secondo giorno e un primo giorno con molto pepe.  Se c’è un corridore per il quale questa edizione della Vuelta a Asturias ha un significato speciale, è Sergio García di Cadice.

“Sono molto eccitato”, dice l’andaluso, che arriva dopo diversi giorni passati con la squadra nazionale spagnola in un campo di allenamento con i corridori U23 più importanti del gruppo nazionale. “Tra i rinvii delle gare che hanno avuto luogo nel mese di febbraio e un problema alla mano che mi ha costretto a fermarmi, non sono stato in grado di competere molto e la verità è che ho molta fame di corse. Veniamo con una squadra molto interessante, perché Diego, Francesco e Luca sono molto esperti e arrivano da una buona gara in Turchia”.

Sergio non è stato in grado di correre tanto quanto avrebbe voluto a causa del problema alla mano destra. “L’ultimo giorno del campo di allenamento a Oliva Nova a febbraio, stavamo andando in una discesa molto veloce su un tratto e quando ho raggiunto un incrocio ho fatto un errore e sono andato a terra. Ho sbattuto le mani a terra e mi sono fatto male. Le radiografie non hanno mostrato alcuna lesione o frattura e non ho pensato a nulla. Nelle Strade Bianche, dove non vedevo l’ora di arrivare, mi sono ritrovato con molto dolore. Non era normale. Mi sono sottoposto a una nuova risonanza magnetica che ha mostrato una piccola frattura. Alla fine ho passato un mese come se fossi in pre-stagione, camminando e facendo lavoro al ginocchio. Abbiamo spinto molto nelle ultime settimane e penso di essere in buona forma. Speriamo di fare bene nelle Asturie, che è sempre una bella gara”.

Le tappe.
30 aprile: Oviedo – Pola de Lena (184,5 km).


1° maggio: Candás – Cangas del Narcea (200,5 km).


2 maggio: Cangas del Narcea – Monte Naranco (125,3 km).

Corridoi correlati

Lorenzo Fortunato Luca Wackermann Francesco Gavazzi Diego Pablo Sevilla Daniel Viegas Sergio García John Archibald

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Pedranzini Scicon La casa del fisio Technogym LifeBrain