Menu

Luca Pacioni: “Dobbiamo avere pazienza. Ora dobbiamo ricominciare da zero. Ma torneremo più forti”

Notizie · 1 Settembre, 2021

Sono stati giorni difficili per Luca Pacioni. Il velocista di Gatteo ha visto questo momento della sua stagione radicalmente interrotto a causa del COVID-19. Pacioni aveva in programma il Tour Poitou-Charentes, ma pochi giorni prima è stato costretto a uscire dalla squadra finale a causa del coronavirus, che ha condizionato il normale svolgimento della gara. “Dopo settimane di dura preparazione in altitudine per finalizzare il mio ritorno alla competizione, sono stato costretto a fermarmi a causa di questo nemico invisibile che ha cambiato la normalità delle nostre vite per più di un anno. Ero molto triste di non poter indossare di nuovo un bavaglino e di dover lasciare tutto in stand-by”, dice.

Pacioni, che ha appena compiuto 28 anni a metà agosto, ha fatto il suo debutto all’inizio di questa stagione, nella prima gara della squadra, ma poi tutti i rinvii e le sospensioni di gara che sono venuti tra gennaio e marzo hanno davvero interrotto il suo inizio di stagione. Ecco perché questo momento della stagione, per il quale si era preparato con molta energia nell’altitudine delle Alpi, era particolarmente importante per lui. “Ora sono debole e senza forze. Pensavo di poter mantenere in qualche modo la condizione fisica che avevo acquisito in altitudine, ma non è successo. Ora tutto quello a cui posso pensare è un recupero completo e tornare sulla strada il più presto possibile”.

La prima stagione nella categoria ProTeam dell’EOLO-KOMETA Cycling Team non ha avuto un inizio facile nonostante sia iniziata abbastanza presto, alla fine di gennaio nell’ambito della recuperata Classica Ciutat de Valencia che è stata anche tagliata in chilometri e percorso, dal susseguirsi di sospensioni e rinvii che hanno avuto luogo nel calendario dei primi mesi. La pandemia e le misure di contenimento hanno avuto un grande impatto nel primo trimestre, anche se da allora in poi la campagna 2021 ha potuto recuperare una certa normalità nel suo sviluppo. Tuttavia, il ProTeam della Fondazione Contador non ha fatto eccezione per quanto riguarda il controllo e la prevenzione della COVID, misure imposte dall’UCI e dagli organizzatori che hanno richiesto una vigilanza costante e lo stanziamento di un budget significativo per test e prove totalmente imprevisti fino alla scorsa stagione. La collaborazione con i laboratori LifeBrain ha sempre permesso un buon controllo preventivo.

Pacioni non si è nemmeno sottoposto ai test preliminari per il Tour Poitou-Charentes. “Da un giorno all’altro ho cominciato a sentirmi anormalmente stanco. Non riuscivo a sentire né l’odore né il sapore di nulla. Ho deciso immediatamente di fare un test, anche se avevo già programmato di fare un PCR pre-gara il giorno dopo. Il risultato è stato positivo e ho iniziato immediatamente la quarantena. Dovevo essere paziente. Ora dobbiamo ricominciare da zero. Ma torneremo più forti”, spiega il corridore.

I primi momenti non sono stati facili dal punto di vista emotivo. “Il mondo mi è crollato addosso, sapevo di essermi preparato molto bene ed ero sicuro di stare bene. Ero tornato dalle montagne cinque giorni prima e avevo una buona sensazione per la corsa a tappe in Francia. Mi sentivo pronto. Pacioni ha firmato in questa stagione cinque piazzamenti nella top ten con i colori dell’EOLO-KOMETA Cycling Team, con un terzo posto nella prima tappa dell’Adriatica-Ionica come miglior piazzamento. In questa gara Pacioni è stato fondamentale con il suo lavoro nella difesa del vantaggio finale di Lorenzo Fortunato.

[📷 Atila Madrona (1, 2); PhotoGomezSport (3)]

Corridoi correlati

Luca Pacioni

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Pedranzini Scicon La casa del fisio Technogym LifeBrain