Menu

Svelato il percorso del Giro d’Italia 2021: “Vogliamo lasciare una grande immagine e vincere una tappa”

Notizie · 24 Febbraio, 2021

Giro d’Italia 2021
Dall’8 al 30 maggio

Questo mercoledì pomeriggio è stato presentato il percorso del Giro d’Italia 2021, gara che si svolgerà tra l’8 e il 30 maggio e alla quale EOLO-KOMETA Cycling Team parteciperà per la prima volta. La Corsa Rosa, come già annunciato settimane fa, avrà la sua Grande Partenza in Piemonte con tre tappe in questa regione. La partenza avverrà a Torino, con una cronometro individuale di 9 chilometri, e un’altra giornata contro il tempo chiuderà questa edizione, 29,4 chilometri tra Senago e Milano.

In mezzo, su un percorso totale di 3.450 chilometri, una proposta varia in termini di orografia, con diversi giorni di terreno montuoso impegnativo e una settimana finale particolarmente dura. Il passaggio attraverso le Marche e l’Abruzzo inizierà a selezionare la gara. Tra sabato 22, quattordicesima tappa con arrivo al Monte Zoncolan, e la cronometro finale, otto giorni molto duri con quattro arrivi in montagna (Zoncolan, 14°; Sega di Ala, 17°; Alpe di Mera, 19°; e Alpe Motta, 20°) e un altro giorno di alta montagna e più di 5.500 metri di dislivello accumulato con arrivo a Cortina d’Ampezzo (16º).

“Il Giro è una corsa sempre molto importante per gli italiani, ha una storia lunghissima e fa parte della storia del ciclismo: già essere presenti in questo palcoscenico è grande motivo di orgoglio per tutti. Per un ciclista, per un direttore, per un meccanico e soprattutto per gli sponsor… Il percorso è come sempre difficile da interpretare, non è nulla di scontato e il territorio italiano è molto variegato: abbiamo strade strette, paesini, molte montagne…”, spiega Stefano Zannatta. Il direttore della EOLO-KOMETA è un grande conoscitore della corsa: ha partecipato a nove edizioni della corsa come corridore, sostenendo Gianni Bugno nella sua vittoria nel 1990, e come direttore della Liquigas ha ottenuto le vittorie assolute di Danilo di Luca (2007) e Ivan Basso (2010).

“Non ci si può mai permettere di stare tranquilli in mezzo al gruppo: bisogna sempre calcolare tutto, tenere alta l’attenzione fin dal primo giorno con questa tappa a cronometro corta che però può fare già la differenza, differenze che poi alla fine del Giro possono essere pesanti. Come sempre l’ultima settimana sarà la più difficile, con l’arrivo allo Zoncolan e all’Alpe di Mera: salite importanti. Ma non dimentichiamo la tappa di Cortina, con tutti i passi dolomitici da fare prima del traguardo. Ecco: per chi vorrà vincere il Giro, queste tre saranno le tappe più importanti”, aggiunge Zanatta.

Interrogato sulle aspettative dell’EOLO-KOMETA Cycling Team per la sua prima partecipazione al Giro d’Italia, il direttore veneto sottolinea: “Per quanto riguarda le nostre aspettative credo che il minimo sia cercare di vincere una tappa, guardando bene i percorsi e studiando bene tappa per tappa per inserire i corridori giusti. Credo ci siano tutte le possibilità di fare bella figura e di meritarci l’invito da parte degli organizzatori: ci sono tante tappe intermedie in cui chi avrà voglia di farsi vedere potrà farlo. E noi dobbiamo essere tra questi. Noi del team EOLO-KOMETA abbiamo avuto questa wild card e il nostro dovere sarà quello di confermare la scelta degli organizzatori e dare una buona immagine del team lavorando al meglio e cercando di portare i nostri atleti a vincere una tappa”.

[📷 Atila Madrona (1)]

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Pedranzini Scicon La casa del fisio Technogym LifeBrain