Menu

Un Gavazzi meraviglioso sfiora la vittoria. Bravissimo anche Fortunato

Notizie · 15 Maggio, 2021

Giro d’Italia 2021
Tappa 8: Foggia – Guardia Sanframondi (170 km)

Certo, resta un po’ di rammarico. Perché è mancato davvero poco, un soffio, un nulla. Francesco Gavazzi è stato semplicemente sontuoso in una giornata che comunque è stata indimenticabile per i colori della Eolo-Kometa: entrato nella fuga di giornata, convinto nel cercare la vittoria, fino alla fine. E tutti ci abbiamo sperato, e tutti abbiamo sognato. Il sogno non si è realizzato, con il nostro Gavazzi che è arrivato secondo dietro al francese Lafay. Sono state lacrime di delusione, per qualcosa sfiorato e scivolato via.

Resta un po’ di rammarico, ma dura pochi secondi. Perché basta un attimo ed ecco che appare la grandezza di quello che è successo, di quello che sta succedendo: un secondo posto al Giro d’Italia per un team come il nostro è qualcosa di bellissimo. Ed è bellissima anche la sensazione che questi ragazzi ci proveranno, ci proveranno ancora: perché c’è un obiettivo da raggiungere, e questo obiettivo è la vittoria di una tappa.

Quindi: bravo, bravo Gava. Bravo per aver preso la fuga giusta (e non è stato semplice, con la prima parte di corsa che il gruppo ha fatto a tutto gas), bravo per essere stato lì a lavorare e a dare i cambi giusti, bravo per aver provato a rincorrere Lafay quando ha capito che era lui l’uomo da battere. Bravo per aver corso “da Eolo-Kometa”. E bravo, anzi bravissimo, anche al nostro Fortunato: ancora con il gruppo dei migliori, in un Giro d’Italia che per lui sta diventando ogni giorno incredibilmente più bello.

Sì, ok: scriviamo anche un po’ di cronaca della tappa. Scriviamo di quella partenza fortissima con tanti tentativi di scatti e controscatti e con una fuga che non riusciva ad andare via. Scriviamo dell’azione buona, con il nostro Gavazzi e altri otto corridori (Gougeard, Carboni, Oliveira, Lafay, Gossens, Arndt, Gaviria e Campenaerts) che ha raggiunto fino a 7 minuti di vantaggio. Scriviamo del finale con il tentativo di Carboni e Campenaerts e della rimonta di Lafay, con il nostro Gava che ha fatto di tutto per raggiungerlo senza però riuscirci e arrivando secondo a 35”. Dietro, a 4’48’’, il gruppo dei migliori: con loro, il nostro Fortunato.

 

E domani, si sale: si sale parecchio. Prima tappa di montagna del Giro, con la partenza da Castel di Sangro e l’arrivo in salita a Campo Felice. 158 chilometri e 4 GPM: si prevedono scossoni in classifica generale.

Francesco Gavazzi: “Un po’ di rammarico c’è, è chiaro: perché queste non sono occasioni che capitano spesso in una carriera quindi ci ho sperato e ci ho provato fino alla fine. Forse, col senno di poi, avrei dovuto inseguire prima Lafay che però è andato davvero molto forte. La gamba è buona, e sicuramente da qui alla fine del Giro io ci riproverò ancora: e questa è una promessa”.

[📷  PhotoGomezSport]

Corridoi correlati

Francesco Gavazzi Manuel Belletti Edward Ravasi Lorenzo Fortunato Vincenzo Albanese Samuele Rivi Mark Christian Márton Dina

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Pedranzini Scicon La casa del fisio Technogym LifeBrain