Menu

Un Gran Premio Miguel Indurain rinnovato per ritorni e recuperi attesi da tempo

Notizie · 30 Marzo, 2021

22° Gran Premio Miguel Indurain
Estella/Lizarra – Estella/Lizarra (203 km)

Dopo un po’ di corse in Italia nel mese di marzo, ecco un impegno in Spagna. La Comunità Forale di Navarra attende l’EOLO-KOMETA Cycling Team con una nuova edizione del Gran Premio Miguel Indurain che debutta nella categoria e presenterà un grande parco partenti. La gara, che si allunga fino a 203 chilometri, entra nella categoria ProSeries con 19 squadre partecipanti di cui nove saranno WorldTour.

La struttura ProTeam della Fondazione Contador si presenta con sei ciclisti: Vincenzo Albanese, Francesco Gavazzi, Arturo Grávalos, Diego Pablo Sevilla, Daniel Viegas e Luca Wackermann. Una squadra con alcuni debuttanti e diversi ritorni.

Il Gran Premio Miguel Indurain sarà il ritorno di Gavazzi dopo la sua caduta, e l’abbandono forzato, nel Trofeo Laigueglia. Ma sarà anche il debutto per Luca Wackermann. Sarà il primo pettorale per il corridore italiano da quando ha dovuto abbandonare il Giro d’Italia negli ultimi metri della quinta tappa dopo essere stato colpito da una recinzione della zona d’arrivo spinta dalla corrente d’aria generata dall’elicottero a bassa quota.

“Finalmente! Tra pochi giorni potrò tornare a correre. Non vedo l’ora di indossare di nuovo un pettorale.  Mi sarebbe piaciuto farlo prima, ma ho avuto un piccolo problema al ginocchio, che è ancora un risultato dei postumi dell’incidente al Giro d’Italia. Ora sono completamente recuperato e non vedo l’ora di farlo. Sono in ottima forma. La squadra farà di tutto per questa gara, siamo un ottimo gruppo”, dice Wackermann.

Correre a Estella sarà anche molto speciale per il neo-professionista Arturo Grávalos. Il riojano è cresciuto nel calendario junior navarrese e durante la sua adolescenza ha potuto correre diverse gare in questa città. “Per me Estella è come una terza casa”, sorride, “Ho avuto un sacco di bei momenti lì quando ero uno junior, abbiamo gareggiato molte volte e combattuto per vincere nel Paseo de la Inmaculada. Tornare ora come professionista è un incentivo a fare molto bene. Il percorso non è facile, è molto più difficile di quanto sembri”.

Grávalos sottolinea il terreno tortuoso, con molti pendii ripidi e zone dove il vento può soffiare. Ma sarà nella parte finale con la catena di Lezáun, Guirguillano, i due passaggi sulla salita di Ibarra e la salita di Erául dove la gara si risolverà. Da Eraul al traguardo ci sono dieci chilometri da percorrere e, in mezzo, un passaggio sulla salita di Ibarra.

Corridoi correlati

Arturo Grávalos Daniel Viegas Diego Pablo Sevilla Francesco Gavazzi Luca Wackermann Vincenzo Albanese

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Pedranzini Scicon La casa del fisio Technogym LifeBrain