Menu

Una caduta di Gavazzi rovina il debutto alle corse italiane

Notizie · 3 Marzo, 2021

58º Trofeo Laigueglia
Laigueglia-Laigueglia (202 km)

Ci si è messa una buona dose di sfortuna, sfortuna nera: arrivata subito, inaspettata e maledetta, a rovinare i piani della EOLO-KOMETA per il debutto nelle corse italiane al Trofeo Laigueglia. Francesco Gavazzi era il corridore su cui la squadra aveva puntato con l’obiettivo di metterlo nelle migliori condizioni per arrivare a giocarsi la vittoria nel finale. E invece, ecco: la sfortuna. Materializzatasi dopo una manciata di chilometri dalla partenza (circa 25) con una brutta caduta che ha coinvolto proprio il nostro Gavazzi, finito a terra e costretto ad abbandonare la corsa (per lui, brutte escoriazioni e qualche botta).

Una doccia fredda per tutto il team, che si è subito visto costretto a cambiare i piani in corsa: ecco quindi da segnalare lo spunto di John Archibald, capace di entrare nella prima fuga di giornata composta da 12 corridori. Lo scozzese della EOLO-KOMETA si è poi arreso dopo il passaggio sul GPM del Testico, prima dell’ingresso nel circuito finale che i corridori hanno ripetuto quattro volte.

Sulle asperità del Colla Micheri, poi, la corsa è letteralmente esplosa con i grandi nomi – Bernal, Ciccone, Mollema, Nibali… – a darsi battaglia senza esclusione di colpi dando vita a una serie di duelli bellissimi che hanno premiato Bauke Mollema grazie a una splendida azione solitaria partita a 15 km dalla fine. E’ stato l’olandese della Trek Segafredo a trionfare, davanti a Bernal e Vansevenant.

Il primo uomo della EOLO-KOMETA a passare sotto lo striscione del traguardo è stato Vincenzo Albanese, 44° a 5’57’’ dal vincitore. Ora tutta l’attenzione del team si focalizza sui prossimi due impegni: sabato alle Strade Bianche, debutto per il team in una corsa WorldTour, e domenica al Gp Industria e Artigianato di Larciano.

John Archibald: “L’obiettivo della giornata, per me e Marton Dina, era quello di entrare nelle fughe e dividerci il lavoro tra noi due. Sono riuscito a infilarmi nella fuga, ma le strade erano davvero molto strette e non era facile restare uniti: siamo andati via in un gruppetto di 12 corridori, e quando è  iniziata la salita abbiamo preso un po’ di vantaggio. Poi, nella discesa sono riuscito a pedalare bene e fare una buona velocità, aumentando ancora il vantaggio. Finita la discesa, la fatica ha iniziato a farsi sentire e sono stato raggiunto e superato. Alla fine, posso dire di essere soddisfatto della mia giornata: ho pedalato bene, sono riuscito a entrare in una fuga, e credo che gli spettatori abbiano avuto la possibilità di vedere la maglia del team EOLO-KOMETA per un po”.

[📷  PhotoGomezSport]

Corridoi correlati

Vincenzo Albanese Mattia Frapporti Francesco Gavazzi Alejandro Ropero John Archibald Mark Christian Márton Dina

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum
Fritz! Retelit Gobik Skoda
elmec kratos KASK Koo dmt Oliva Nova
Vittoria Enve Rotor Montane Premium madrid Sportlast Look Training Peaks Jonh Smith Prologo Morgan Blue Bend36 Velotoze Valtellina Pedranzini Scicon La casa del fisio Technogym