Menu

Giro di Lombardia: Fortunato, che peccato. Bais e Fancellu: bravi!

Notizie · 8 Ottobre, 2022

Giro di Lombardia (1.UWT)
Bergamo-Como (253 km)

Questa non è una corsa come le altre, no. Questa è un monumento del ciclismo, e come tutti i monumenti è qualcosa da ammirare, da rispettare, da difendere. Il Giro di Lombardia, un Giro di Lombardia pieno di cose da raccontare: la vittoria di Pogacar, l’ultima corsa di Nibali e Valverde (a proposito di monumenti…), la gente a fare festa sulle salite del Ghisallo e di San Fermo.

E noi? La EOLO-KOMETA puntava tutto su Fortunato, uno che lo scorso anno al Lombardia era andato fortissimo e che aveva la gamba per ripetersi. Purtroppo, ma questo è il ciclismo, la sfortuna ha deciso di rovinare i piani facendolo cadere nella discesa prima della Forcella di Bura: una brutta botta, tanto spavento, il trasporto in ospedale per gli accertamenti. Corsa e sogno finiti.

Eppure, c’è stato comunque modo di fare la nostra corsa. Eccome. Perché Davide Bais è stato splendido a prendere la fuga di giornata e a lottare come un leone per cercare di portarla più lontana possibile. E no, non era facile. “No, anzi – ha detto, stanchissimo, all’arrivo – perché in tanti volevano andare in fuga e perché il gruppo è partito subito fortissimo. Una volta andati in fuga, la voglia era di restarci il più a lungo possibile quindi abbiamo dato tutto. Fare queste corse è emozionante, è bellissimo pedalare in mezzo a tanti tifosi e sapevo che a casa tanti miei amici mi stavano guardando quindi ho corso anche per loro. Peccato per Fortunato, secondo me poteva arrivare tra i primi”.

E tra i primi, ha provato ad arrivare Alessandro Fancellu: che non ha mai mollato il gruppo principale e che è rimasto attaccato ai migliori fino all’ultimissima salita. “Sono contento a metà – queste le sue parole – perché alla fine avrei voluto restare davanti ancora un po’: ma non ce la facevo più, e sul Civiglio ho alzato bandiera bianca. Resta comunque la soddisfazione per aver finito bene una corsa così lunga e dura che non avevo mai fatto: bellissimo salire sul Ghisallo che sembrava uno stadio. Adesso recupero, e spero di chiudere bene questa stagione con le corse in Veneto”.

📸 Maurizio Borserini

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum Burger King VisitMalta
Retelit Elmec Gobik Skoda
Enve KASK dmt DINAMO Koo Clique MOMO
Vittoria Chiaravalli Bkool Prologo Oliva Nova Elite Look Walbike Training Peaks Ceramicspeed Supersapiens La casa del fisio Premium madrid Sportlast Bend36 TWS Velotoze John Smith Scicon LifeBrain BetaTools Pizzini