Menu

La splendida solitudine (o quasi) di Rivi

Notizie · 8 Maggio, 2022

Giro d’Italia
3^ tappa Kaposvar – Balatonfurer

Un ciclista solo è un ciclista felice. Perché questo è uno sport che ricerca la solitudine: staccare tutti, cercare la fuga, abbandonare il gruppo. E fa nulla se alla fine poi il gruppo ritorna, se alla fine poi vince qualcun altro: la fuga è l’essenza del ciclismo, e oggi in fuga ci siamo andati noi con uno che di fughe se ne intende. Samuele Rivi è scattato poche centinaia di metri dopo la partenza e si è regalato 150 km di solitudine relativa, insieme a due compagni d’avventura. Tante ore di diretta TV, tante parole dei telecronisti per lui e la EOLO-KOMETA, un’azione che significa anche onorare una corsa come il Giro. Sì, alla fine è stata volata nella tappa che ha salutato l’Ungheria prima di tornare in Italia. E la volata è stata vinta da un fenomeno come Mark Cavendish, con il nostro Albanese arrivato in 14^ posizione. Domani, tutti sull’aereo per la Sicilia e attenzione: martedì, si sale su sua maestà il Monte Etna.

Samuele Rivi: “A me andare in fuga piace, ormai avete imparato a conoscermi: l’ho fatto alla Sanremo, l’ho fatto e lo farò ancora qui al Giro. In questa tappa non c’erano salite quindi ci è andata anche abbastanza bene e il gruppo per un po’ ci ha lasciato fare, ed è stato bello stare insieme a Mattia Bais, un trentino come me. Mi vedrete ancora in fuga, promesso”.

📷 Maurizio Borserini , Sprint Cycling

Corridoi correlati

Samuele Rivi Vincenzo Albanese

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum Burger King VisitMalta
Retelit Elmec Gobik Skoda
Enve KASK dmt DINAMO Koo Clique MOMO
Vittoria Chiaravalli Bkool Prologo Oliva Nova Elite Look Walbike Training Peaks Ceramicspeed Supersapiens La casa del fisio Premium madrid Sportlast Bend36 TWS Velotoze John Smith Scicon LifeBrain BetaTools Pizzini