Menu
29º Memorial Polese
San Michele di Piave – Santa Maria del Piave (156,5 km)

Ventisei corridori si sono contesi la vittoria in un’edizione 2023 del Memorial Polese in cui un triplo passaggio su un tratto di sterrato a metà gara ha prodotto una grande selezione. Il danese Anders Foldager (Biesse Carrera) si è imposto su Alberto Bruttomesso (CTF), una vittoria che questa volta non ha avuto un solido contendente dalla struttura U23 della Fondazione Contador.

Luca Bagnara, alla sua personale scoperta dei settori sterrati in gara, è stato uno dei protagonisti del sabato con una mossa offensiva che lo ha portato a pedalare a cavallo tra una testa della corsa allora formata da tre corridori e il gruppo in compagnia dell’italiano Gabriel Greguoldo (Lan Service). È stato un passaggio della corsa in cui il trio di testa ha corso con un margine di oltre cinque minuti sul gruppo.

“I tre in testa avevano già più di un minuto quando Luca è partito, eravamo consapevoli della difficoltà di raggiungere il leader della corsa. Ma era interessante e c’erano buone possibilità che riuscisse a entrare nel tratto sterrato davanti al gruppo”, ha spiegato Gorka Beloki, direttore del Memorial Polese.

Dopo l’ultimo passaggio attraverso lo sterrato, un gruppo di circa quaranta corridori si è diretto verso l’ultimo terzo della gara, con un circuito finale intorno al traguardo. Su questo percorso il gruppo sarebbe stato selezionato e Bagnara non poteva essere nel gruppo di testa, dopo un grande lavoro precedente.

Gabriele Raccagni: “Non è stata una buona giornata, soprattutto per me. Ho speso molte energie per essere ben posizionato prima della salita e del tratto sterrato. Lì il gruppo era molto selezionato, una ventina di corridori sono rimasti davanti e il gruppo in cui mi trovavo ha finito per alzare il piede”.

Luca Bagnara: “Oggi è stata la mia prima volta su strade sterrate e devo dire che è stata un’esperienza molto bella e arricchente. Sono arrivato al Memorial Polese pensando di essere un po’ fuori forma, ma sono molto contento perché le sensazioni sono state ottime per tutto il giorno”.

[📷 Giorgio Berasi (1, 3)]

Eolo Kometa
Aurum VisitMalta Dinamo
Retelit Elmec Gobik Skoda
Enve Kask Burger King Sidi Koo Oliva Nova
Vittoria Chiaravalli Lime Bkool Prologo Clique Elite Look Walbike Training Peaks Supersapiens La casa del fisio Lotto Sportlast Bend36 Velotoze Beta Tools Pizzini café John Smith Scicon