Menu

Marton Dina si mette in luce nella fuga ungherese fino all’ultimo chilometro

Notizie · 11 Maggio, 2022

Tour de Hongrie (2.1)
Etapa 1: Csakvar – Szekesfehervar (198km)

Quanto è bello percorrere le strade del proprio Paese, sentire il calore dei propri tifosi e poter gareggiare nella gara con cui si condivide la propria bandiera. Marton Dina è andato alla ricerca della fuga nel primo giorno del Giro d’Ungheria, sapendo che l’opportunità di brillare davanti al pubblico di casa e in casa della Kometa non è cosa da tutti i giorni. Il suo tentativo e la sua forza nella parte finale gli hanno impedito di raggiungere il traguardo in testa per un solo chilometro.

Una fuga di cinque corridori si è fatta strada attraverso il terreno collinare della giornata e Dina ne ha approfittato per percorrere sia gli sprint intermedi che i tre passi di montagna. Non è riuscito a conquistare la maglia di leader, ma è al secondo posto nella classifica generale dei migliori scalatori. Un obiettivo per il resto della gara.

I distacchi non hanno mai permesso a chi era in testa di aspirare alla vittoria, solo quattro corridori hanno resistito in testa con un gruppo che li ha sempre tenuti sotto controllo e per molti chilometri con solo un minuto e mezzo di vantaggio. La buona spinta finale, con cambi velocissimi e un’intesa totale, sembrava dare fiato ai fuggitivi che hanno spinto a fondo a meno di 15 chilometri dall’arrivo.

Ma il gruppo aveva capito tutto. Neutralizzato a un solo chilometro dall’arrivo, era il momento di pensare alle opzioni per lo sprint. Il migliore al traguardo, in una volata velocissima e pazzesca, è stato David Martin a ridosso dei primi dieci. Marton Dina era sul podio per ricevere il premio come miglior ungherese della gara.

Marton Dina: “Ho iniziato la gara con le gambe molto malandate, ma alla fine sono riuscito a ribaltare il mio corpo e a entrare nella fuga. Ho provato sul passo di montagna, perché volevo indossare questa maglia davanti alla mia gente. Ma sono riuscito a stare davanti, a scattare anche negli sprint di abbuono, molte persone gridavano il mio nome e mi incitavano, alla fine ho pensato che potevamo arrivare davanti ma ci hanno ripreso ai 500 metri”.

📷 Sprint Cycling

Corridoi correlati

Simone Bevilacqua Mark Christian Alessandro Fancellu Márton Dina David Martín Diego Pablo Sevilla

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum Burger King VisitMalta
Retelit Elmec Gobik Skoda
Enve KASK dmt DINAMO Koo Clique MOMO
Vittoria Chiaravalli Bkool Prologo Oliva Nova Elite Look Walbike Training Peaks Ceramicspeed Supersapiens La casa del fisio Premium madrid Sportlast Bend36 TWS Velotoze John Smith Scicon LifeBrain BetaTools Pizzini