Menu

Un extraterrestre chiamato Tadej, un bravissimo Albanese

Notizie · 17 Giugno, 2022

Quando Pogacar si è messo davanti, ha aperto l’acceleratore e ha deciso di mettere le mani sulla tappa, per gli altri non c’è stato più nulla da fare. E infatti, Pogacar si è preso tappa e maglia da leader della classifica generale scattando sull’ultima salita. Dietro di lui, però, sono successe delle cose.

La prima: Lorenzo Fortunato ha una gamba meravigliosa, ma purtroppo i postumi della caduta della Adriatica Ionica Race si fanno ancora sentire. Tra i migliori in salita, Fortu è stato vittima di un’altra caduta sull’ultima discesa: “Ho tre costole incrinate, non sento il polso, in bicicletta sono rigido e chiaramente in discesa rischio di cadere come è successo oggi. Peccato, perché la gamba è ottima e in salita riesco ad andare su fortissimo. Spero di riuscire a stringere i denti e fare risultato nel tappone di domani, poi di staccare un po’ perché devo riprendermi”.

La seconda: Vincenzo Albanese non molla. Bravissimo a tenere il gruppetto dei migliori dietro a Pogacar per poi arrivare quinto a 36″ dal fenomeno sloveno.

Domani, tanta salita: ci si aspetta un Pogacar scatenato, sperando di vedere davanti anche i nostri scalatori.

📷  Sprint Cycling

Corridoi correlati

Vincenzo Albanese Lorenzo Fortunato

Altre notizie

eolo Kometa
Aurum Burger King VisitMalta
Retelit Elmec Gobik Skoda
Enve KASK dmt DINAMO Koo Clique MOMO
Vittoria Chiaravalli Bkool Prologo Oliva Nova Elite Look Walbike Training Peaks Ceramicspeed Supersapiens La casa del fisio Premium madrid Sportlast Bend36 TWS Velotoze John Smith Scicon LifeBrain BetaTools Pizzini